Melanie Riccardi presenta all’ interno della mostra “The Body: Il corpo sulla tela, la tela sul corpo” il progetto artistico dal titolo “In Limine”: la body performance, eseguita dall’ artista, si inserisce nell’ esposizione collettiva al pari di un opera d’ arte pittorica o scultorea, concepita come immagine in movimento che si contrappone alla staticità delle altre discipline.

Nell’ allestimento dialoga con i dipinti di Emiliano Martucci, corpi immobili (ma con la volontà d’ azione), “adagiati” sulla tela che

risultano essere la traduzione pittorica del percorso di ricerca di Melanie Riccardi; i colori (celeste, azzurro, nero e grigio) della pelle dei soggetti, virano sulle tonalità fredde e amplificano il significato di pelle intesa come soglia tra il “dentro e il fuori”.

Il corpo, che possiede in se stesso il principio del movimento, diventa il medium, il mezzo veicolante il sentimento dell’ artista, strumento dell’azione pratica di una coscienza spirituale; la pelle é il limen, il confine o soglia tra il “dentro” (il corpo) ed il “fuori” (l’alterità – il “non io”), serbatoio di recettori, mezzo di scambio e traduttore di stimoli fisici e chimici, è “la soglia che separa l’inesprimibile che ci portiamo dentro dall’incomprensibile che sta fuori di noi, la barriera che ci definisce.”

 

In Limine (dal latino limen-mìnis, soglia ma anche inizio, fine, compimento) nel suo significato letterale, nel confine ma anche sulla soglia, traduce la sperimentazione dell’ artista che attraverso il movimento, (del tempo sul corpo e dei muscoli sotto la pelle), avvia il dialogo, impossibile, tra l’ interno e l’ esterno attraverso la ricerca di un equilibrio, di una percezione immateriale, espressa con geometrie simmetriche e paramorfismi che sfidano statica e dinamica.

Un sottile velo bianco ricopre i tratti fisionomici del volto quasi ad azzerare l’ identità del singolo affinché ognuno vi si riconosca.

In Limine di Melanie Riccardi
Musiche originali Maestro Federico De Caroli.

Testo Critico Ilaria Giacobbi


The Body: il corpo sulla tela, la tela sul corpo
The Room Exhibition
Bauhaus Home Gallery
08.06.2019 / 18.06.2019


Melanie Riccardi muove i primi passi con la ginnastica ritmica, passa successivamente alla danza classica
Accademica studiando, tra gli altri, con I. Grigorieva (Genova), E. Cattaneo (Genova) per
la danza Contemporanea A. Gabbi.
Partecipa a numerosi seminari e corsi di formazione con maestri di fama internazionale tra
cui, L. Vescovo (Accademia Teatro Alla Scala), A. Colombini (Accademia Teatro alla Scala),
L. Alexandrescu (Accademia Teatro alla Scala) E. Scala (Accademia Teatro alla Scala) C.
Marchant (Balletto Fiandre) M.Barruccand (Lione) B. Ratchinskaya (Staatsoper Wien).
Si perfeziona nell’insegnamento ottenendo il riconoscimento dell’Associazione Insegnanti
diplomati presso il Teatro alla Scala nel 2011.
Attualmente impegnata in “Arabesco” (Corpo-azione- relazione) con la compagnia di
Teatro Akropolis di Genova e “Laboratorio Canibale” di Tamara Cubas Montevideo (laboratorio permanente di ricerca performativa.
Performance e Progetti

2018

“I dance Strange” Chiara Taviani e Natalia Vallebona, Teatro Akropolis Genova..
“Multitud” di Tamara Cubas (Uruguay) Santarcangelo Festival.
“Good Passport bad Passport” di Helena Waldman (Germany) Bolzano danza.
“Pro active dance” Performance sulla violenza di genere con Margherita Franceschi
(Roma).
“A piedi nudi” Compagnia Sharon Fridman (Rovereto-Trento-Passo del Tonale).
“Autumn lessons” Balletto Civile, Teatro della Tosse Genova.
“Clouds” di Claudia Catarzi, Cango Firenze.
“Total eclipse” Chiara Taviani ed Emanuela Serra, Teatro della Tosse Genova.
“Ma-donne” Residenza teatrale con Ippolito Chiarello Nasca teatri di terra Lecce.
“Inferno per corpo” Galleria d’arte del Cavallo Savona.
2019
MuteVoliVoci (Scritto, diretto ed interpretato)Teatro Planet Roma, Teatro Sacco Savona.
“L’invenzione della vecchiaia” a cura di Daniela Liaci, Chapeau, Savona.
“Genealogia” Luna Cenere, Teatro Petrella Longiano.
“Laboratorio Cannibale” Tamara Cubas, Uruguay.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *