“La fotografia è l’arte di mostrare di quanti istanti effimeri la vita sia fatta”. M.P.

Noemi Passarelli: testimone della realtà con la fotocamera in mano

Noemi Passarelli concepisce la fotografia come parte integrante di un io che attraverso l’ obbiettivo della camera comunica col mondo, esprime se stessa e le sue emozioni.

Classe 1989, musicista clarinettista, giunge alla fotografia quasi per diletto dopo un percorso umano che, in parallelo  quello professionale, la porta a scegliere una diversa forma artistica per dare un senso sentire.

“Testimone della realtà con la fotocamera in mano” documenta il più oggettivamente possibile la sua Società e la sua Epoca unendo allo stile giornalistico lo scopo artistico: predilige la dimensione cromatica del “bianco & nero” poiché azzerando il colore focalizza l’ attenzione dello spettatore sul contenuto emozionale dei protagonisti dei sui scatti

Permeata e affascinata dalla storia e dalla cultura della Calabria, culla della Magna Grecia, fotografa scorci di vita quotidiana con lo scopo di valorizzare luoghi altrimenti poco conosciuti; racconta, attraverso le (sue) immagini, le usanze e le tradizioni della sua Terra affinché nulla cada nell’ oblio del tempo.

Noemi Passarelli colloca se stessa nella posizione di spettatore attivo, occhio indagatore del suo tempo, e la fotografia assurge al ruolo di documento/visivo. Della contemporaneità per i posteri.

Fotografo ufficiale dell’ Ass. A.P.M.I. Selciaroli Romani a tutela del SAMPIETRINO come patrimonio storico artistico di Roma Capitale, documenta attraverso le sue immagini la Città Eterna, le sue bellezze, nel rapporto tra architettura orizzontale con quella verticale  e del Collettivo 2(be)Art

 

A Roma espone in permanente presso Bauhaus Home Gallery e pubblica i suoi scatti per Vogue Italia.

Testo a cura di

Ilaria Giacobbi

Noemi Passarelli su Instagram

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *