SERIE CICATRICI: MARCO DELLI VENERI ESPONE AL PAN DI NAPOLI.

Nelle opere di Marco Delli Veneri, la superficie, spazialmente meditata, é scandita da differenze cromatiche tra le varie campiture, la materia risulta modificata da una qualche forma di energia: combustioni che feriscono lo spazio. CICATRICI.

image image image image

Con la serie delle Cicatrici il linguaggio dell’artista si arricchisce di ulteriori valori espressivi e formali: l’uso del fuoco vivo (già sperimentato in “Notturno futuro”) che ustiona, brucia, torce e modella i materiali modificandone la struttura, la forma e il colore originari; acrilico su carta metallizzata e PVC montati su pannelli in neoprene.

La scelta dell’ alluminio e della plastica, materiali artificiali dotati di uno “splendore e una trasparenza fittizie” e in stretta connessione con la sfera del consumismo, è emblematica di un atteggiamento assolutamente moderno dell’ artista che ama misurarsi con oggetti desunti dalla realtà circostante.

L’ esito d’ insieme delle opere è una serie di composizioni raffinatissime che utilizzano, come spesso nella produzione di Delli Veneri, materiali quotidiani, poveri o di recupero al cui interno si palesa un equilibrio malinconico e precario , ottenuto attraverso l’ impianto geometrico delle stesse.

In Cicatrici, all’ elegante ordito geometrico tracciato con il colore si accompagna il ritmo convulso e magmatico di immagini realizzate aggredendo o “dipingendo” con la fiamma una piccola superficie di plastica coloratissima.

All’interno di ogni opera i colori, sapientemente bilanciati grazie al calcolato rapporto tra luminosità e ampiezza delle tinte, sono delimitati da contorni morbidi e incerti, che sembrano sciogliersi l’uno nell’altro innescando una coinvolgente illusione di vibrazioni spaziali e di movimento delle superfici. La qualità palpitante e quasi gassosa delle tinte, realizzate con un complesso gioco di velature e con un incredibile ricchezza di passaggi tonali che svelano la presenza dell’ alluminio sottostante, quasi graffiato dal colore, rende quanto mai stabile il pure elementare schema geometrico delle opere, trasformandole in un insieme pulsante vivo e metamorfico.

I contorcimenti della plastica, le piaghe, le ferite, le CICATRICI che affiorano dalla superficie rotta, slabbrata e addensata dai colpi di calore, accentuano la drammaticità e il simbolismo delle immagini, mentre il colore legittima una volta di più l’ accostamento tra la superficie ustionata delle opere e la realtà offesa e ferita dall’ umanità contemporanea.

Serie Cicatrici:  frammenti che si sublimano, attraverso l’ estro dell’ artista, in un’ alchimia polimaterica e policroma.

Testo critico Ilaria Giacobbi

image

Giovedì 4 agosto, ore 18.00 Vernissage, PAN Palazzo delle Arti Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *