Tegernsee Lake: il colore come acqua. Una settimana con l’ Artista.

Christian Valentini ha un dono: osserva la realtà, la respira la fa sua e con le sue opere sembra quasi dirci…

“Sono costretto a continue trasformazioni, perché tutto cresce e rinverdisce. A forza di trasformazioni, io seguo la natura senza poterla afferrare, e poi questo fiume che scende, risale, un giorno verde, poi giallo, oggi pomeriggio asciutto e domani sarà un torrente.”Tegernsee Lake - Christian Valentini

Sembra! Perché le parole non servono, possono essere quasiChristian Valentini superflue quando i colori parlano al tuo posto: e quel dono diventa Arte.

Alcuni lo chiamano “periodo di pausa dell’ artista“, noi preferiamo “fase germinale  di un’ opera”.

Tegernsee Lake è un luogo magico, misterioso… un lago dove immergersi ed immergere la propria anima: Christian Valentini lo ha fatto. Ha osservato per mesi il variare della luce sulle fredde acque del lago, l’ avvicendarsi delle stagioni lo hanno accompagnato.

Tegernsee Lake diventa un dipinto ma  il colore steso sulla tela si trasforma in acqua, in luce riflessa che sembra quasi accarezzarti il volto con il suo tepore. Questo il dipinto che maggiormente rappresenta l’ evoluzione pittorica dell’ artista: Christian Valentini pur mentenendo la grande specificità del linguaggio pittorico impressionista palesato soprattutto nell’uso del colore e della luce matura nella stesura dello stesso. Il “reticolato” di canne di bambù che sovrasta il dipinto il suo indistinguibile marchio POP.  La pennellata si fa più intensa nella resa delle freddi acque del lago ma netta e definita nelle zone di luce. Il colore e la luce sono gli elementi principali della visione d’ insieme dell’ opera.

Ilaria Giacobbi

Ph. @io_e_mia_sorella per 27, rue de Fleurus

http://valentinichristian.tumblr.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *